AS Film Festival 2015: Crea il tuo poster!!

  
Cosa è As Film Festival?
AsFF è il primo festival di cinema ed arti visive realizzato con la partecipazione attiva di persone che si riconoscono nella condizione autistica. Nato come follow-up di un programma in più fasi avviato dall’associazione Not Equal a partire dal 2008 e fondato sull’uso del cinema come strumento di aggregazione ed inclusione sociale, AsFF è un progetto unico nel suo genere: non un festival sull’autismo, ma un festival di cinema vero e proprio, fatto anche da persone autistiche. Ecco perchè, come recita il claim, è un festival uguale agli altri, però diverso. Fin dalla sua prima edizione (2013), AsFF ha raccolto il consenso di operatori culturali ed enti istituzionali: l’Agenzia Nazionale per i Giovani ha sostenuto la prima edizione del progetto nell’ambito del Programma Europeo Gioventù in Azione; la Fondazione MAXXI ha collaborato fin dall’inizio mettendo disposizione del progetto la prestigiosa location dell’auditorium del MAXXI, Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo. Il Dipartimento educazione MAXXI ha collaborato attivamente alla promozione del progetto sul territorio. Indispensabile, infine, l’apporto di tante realtà del Terzo Settore, dall’associazione nazionale Gruppo Asperger Onlus, che raccoglie le famiglie di persone con Sindrome di Asperger, all’associazione Museo Nazionale del Cinema di Torino, che cura la vetrina Cinemautismo, ai media partner come l’Istituto Europeo di Design – IED. 

Un’ottima iniziativa che coinvolge in maniera impeccabile anche chi è affetto da autismo.

Ma veniamo al contest che AsFF organizza

CREA IL TUO POSTER!

AL VIA IL BANDO GRATUITO PER LA REALIZZAZIONE DEL POSTER DELL’AS FILM FESTIVAL 2015

Contest gratuito per artisti e creativi che si riconoscono nella condizione autistica organizzato dall’AS Film Festival, il primo festival di cinema fatto anche da persone con sindrome di Asperger. Per chi ama dipingere, disegnare, realizzare fotomontaggi, esprimere se stesso attraverso l’arte visiva. Scadenza per invio lavori: 30 giugno 2015


Al via il bando a iscrizione gratuita per la realizzazione del poster per l’edizione 2015 dell’AsFilmFestival, primo festival di cinema ed arti visive realizzato con la partecipazione attiva di persone con Sindrome di Asperger e che si riconoscono nella condizione autistica. 


Tra i lavori pervenuti sarà scelto il poster che rappresenterà la terza edizione di AsFF, coordinato da Giuseppe Cacace, che si terrà a Roma, i prossimi 14 e 15 novembre 2015 presso il MAXXI – Museo Nazionale delle arti del XXI secolo. 


Per la creazione del poster, il modello da seguire si trova al link: www.asfilmfestival.org/images/poster.pdf 


L’iscrizione al contest è gratuita e non ci sono limiti di età, di tecnica o di tema. L’unica specifica è quella di creare il poster all’interno dell’area indicata, lasciando al centro lo spazio per il logo del festival. 

Ultimato il poster, i creativi dovranno scansionarlo in alta qualità (preferibile 300dpi) e inviarlo entro il 30 giugno 2015 in allegato (o tramite il sito www.wetrasfer.com) all’indirizzo poster@asfilmfestival.org, con una breve biografia e una foto.

Si potranno inviare fino a 3 poster diversi. Tutti i lavori pervenuti saranno pubblicati sul sito del festival www.asfilmfestival.org e sulla pagina Facebook Asfilmfestival. Una selezione dei lavori inviati sarà mostrata nel corso del festival.

Non mi resta che aggiungere un grosso applauso per AsFF e che vincano i migliori!

Annunci

10 curiosità su… Taxi Driver di Martin Scorsese



Uno dei film più controversi di sempre, Taxi Driver è violento e ruvido ma proprio per questo apprezzato da molti anche dopo anni dalla sua uscita. Ma, come per ogni pellicola, ci sono diverse curiosità che non tutti conoscono.

Ecco qui 10 cose che (forse) non sapevate su “Taxi Driver”


  • John Hinckley Jr. Fu un criminale statunitense noto per l’attentato al presidente USA Ronald Reagan nel 1981. Non tutti sanno che Hinckley motivó il suo gesto sostenendo di voler attirare l’attenzione di Jodie Foster su di sè. Nutrì infatti per l’attrice una forte ossessione dopo averla vista più e più volte nel film.


  • Inizialmente Martin Scorsese scelse Dustin Hoffman per la parte di Travis Bickle, ma l’attore rifiutò e la parte andò a De Niro.


  • Jodie Foster, allora dodicenne, dovette tenere un colloquio di quattro ore presso uno psichiatra prima che ottenesse la parte, cosicché ne attestasse l’idoneità ad un ruolo assai inconsueto per una minore


  • La MPAA impose al film di sfumare il colore della pellicola per evitare tonalità troppo accese che mettessero in risalto la violenza. Scorsese, inizialmente contrariato, fu positivamente sorpreso dell’effetto finale della correzione, che a suo parere rendeva ancora più scioccante la pellicola.


  • Furono utilizzate dal regista modalità di ripresa alquanto innovative per l’epoca. La macchina in alcune scene non segue tradizionalmente il protagonista ma compie un giro panoramico, per poi ritrovare il protagonista più avanti.


  • Per immedesimarsi nel ruolo, Robert De Niro conseguì veramente la patente per il taxi, guidandolo per le vie di New York.


  • È proprio Martin Scorsese ad interpretare la parte del marito nevrotico che osserva sua moglie dal taxi di Travis. L’attore che doveva recitare la parte di Scorsese fu costretto a rifiutare a causa di un infortunio e il regista si improvvisò attore seguendo vari consigli di De Niro.


  • La scena più famosa del film, in cui Travis parla allo specchio, venne improvvisata dallo stesso Robert De Niro basandosi su una riga di sceneggiatura che indicava semplicemente: “Travis parla da solo allo specchio”. A Scorsese la scena piacque talmente tanto che decise di inserirla nel film.


  • La capigliatura mohawk di Robert De Niro non era vera: portava una protesi che lo faceva sembrare rasato, sulla quale erano applicati crini di cavallo.


  • In una scena in cui De Niro guida il taxi, si può notare per qualche istante l’insegna di un cinema su cui è scritto The Texas Chainsaw Massacre, film di Tobe Hooper del 1974, uscito in Italia come Non aprite quella porta

Il film di oggi… Billy Elliot – 2000

IMG_4340

Genere: Drammatico, commedia

Regia: Stephen Daldry

Cast: Jamie Bell, Gary Lewis, Julie Walters

La simpatica storia di un ragazzino, che invece dei soliti interessi adolescenziali, nutre un forte amore per la danza.
Questo film potrebbe sembrare un film solo sulla danza e tutto il mondo che la circonda ma non è così.
Il ballo fa da sfondo ad un interessante approfondimento sulle difficoltà di una famiglia povera che deve soddisfare le esigenze di un giovsne ragazzino carico di sogni e ambizioni.

Un ottima regia ci porta in un triste e povero paesino inglese che vive grazie alle miniere di carbone e che verte in situazioni di forte povertà visti i bassi salari e il carente sviluppo economico.
Attraverso pochi ma ottimi personaggi viviamo i disagi e le gioie del piccolo protagonista direttamente insieme a lui, e le sensazioni trasmesse sono forti tanto da emozionare tantissimo nelle scene finali.
La semplice e fantastica sceneggiatura permette al regista di mettere in scena un bellissimo lavoro che emoziona e colpisce lo spettatore. Insomma un film da applausi.

Bravo anche il semplice cast che ci fa vivere a pieno una parte di inghilterra che pochi conoscono, e che ci presenta magistralmente brillanti interpretazioni, come quella del giovane e bravissimo protagonista Jamie Bell

Nota di merito anche a fotografia e colonna sonora, che si presentano in modo vivace, senza rendere cupa una storia a volte triste e difficile.

A grandi linee un piccolo capolavoro da conservare gelosamente nella propria collezione cinematografica e culturale

Consigliato? Assolutamente sì
Voto 8,5/10

Il film di oggi… Boyhood – 2014

Genere: Drammatico

Regia: Richard Linlater

Cast: Ellar Coltrane, Ethan Hawke, Patricia Arquette

Un interessante progetto del bravissimo regista Linklater, che sforna un lavoro costato ben 12 anni di lavoro.

Ebbene si, le riprese del film sono durate tanto tempo, e il tutto è voluto. Ogni anno la troupe si è riunita per continuare le riprese di un film che mano a mano cresceva con gli attori, e alla fine il risultato è veramente notevole.

Il film racconta la storia di un adolescente dagli otto ai diciannove anni, seguendo la difficile adolescenza, che alterna momenti difficili a grandi soddisfazioni personali. Le difficoltà familiari formeranno il carattere di un giovane molto emotivo e sensibile.

La bellezza di questo film è appunto la storia che cresce con gli attori stessi, specialmente con i più giovani, dove le differenze fisiche si notano di più man mano che la storia scorre negli anni. Una storia che colpisce per quanto reale e ben messa in scena. Il cast recita al meglio gli stati d’animo e man mano che si va avanti sembra di crescere con i protagonisti, capendo i loro problemi, e vivendo le loro emozioni.

La regia è abbastanza dinamica, non sbaglia niente e mostra tutto come si deve. Ottimi anche fotografia e sonoro. Le canzoni accompagnano con armonia le belle scene di stacco, i bei paesaggi del Texas, e raccolgono insieme le varie sensazioni provate dai protagonisti, rimarcando a fondo la loro importanza.

Un distinto lavoro, un particolare progetto. Comunque lo si voglia definire, questo film per me ha fatto centro, e sicuramente colpisce chi lo vede.

Consigliato? Sì

Voto  8/10

San Valentino e cinema? Perchè no?

Con il passare degli anni il giorno di  San Valentino è diventato ormai una festa più commerciale che altro.

Gli innamorati festeggiano, si amano e passano indimenticabili e romantiche serate.
Il miele scorre a fiumi in questa notte e il picco glicemico per i gesti più sdolcinati sale alle stelle.
Ed ecco quindi che ogni buon mercante si frega le mani, vende di tutto e incassa veri e propri patrimoni.
Anche il cinema fa la sua parte e nel corso degli anni sono state presentate diverse pellicole a tema o comunque molto romantiche.
Molte coppie decidono di darsi al cinema la sera di San Valentino, ed ecco che voglio consigliarvi dei film che sono più che adatti per una serata romantica.
Che siate in coppia, con amici oppure soli sul divano con 2 kg di gelato, questi film vanno benone per tutti, quindi scegliete con cura e godetevi la vostra notte di San Valentino.
Per prima cosa indico un paio di film che saranno al cinema il 14 febbraio, e se vi ispirano, potrebbero anche essere la vostra scelta.
50 sfumature di grigio 
Tratto dal famoso romanzo, questo film sembra essere molto atteso. Ricco di scene piccanti e forte passione, non so quanto possa piacere ma ovviamente la curiosità c’è
Romeo & juliet
Film del 2013 che arriva solo ora in italia. Si tratta dell’ennesimo adattamento cinematografico dell’omonima tragedia di William Shakespeare. Puó annoiare come puó piacere a chi veramente piace il drammaturgo inglese.
Passando invece ai film “home video” ho preferito dividerli in due gruppi. Risate e non.
Il film sentimentale affronta diverse tematiche, ed essendo l’amore molto gioioso e divertente, le commedie romantiche la fanno da padrone ma c’è spazio anche per qualcosa di più “drammatico” che affronta in modo serio e sentimentale il tema dell’amore.
Amore che ricordo essere un sentimento rappresentato anche da soggetti differenti da una semplice coppia uomo – donna.
  • Sentimentali drammatici
Love story
Forse la più famosa pellicola romantica. Amore e difficoltà familiari sono la base della storia di due giovani innamorati.
Titanic
La tragedia del titanic fa da sfondo ad una avvincente storia d’amore magistralmente interpretata da due grandi attori. L’amore non è il tema principale ma il romanticismo di questa storia colpisce e appassiona chiunque.
Le pagine della nostra vita
Una fantastica storia d’amore e con una trama avvincente. Due innamorati devono lottare tra famiglia, lavoro e guerra per confermare il loro amore, forte e inattaccabile. Un dramma che scioglie il cuore e vede, come sempre, l’amore trionfare su tutto.
I ponti di madison county
Breve ed intensa storia d’amore che vede una madre dover compiere scelte importanti per la propria famiglia. Tutta la storia si rivelerà una grande lezione di vita.
Via col vento
Come non citare il capolavoro più famoso al mondo per quanto riguarda le storie d’amore. Un film forse troppo lungo ma che rappresenta una vera e propria pietra migliare del cinema romantico.
Ghost
Una delle storie più commoventi di sempre. Passione e lacrime rendono questo film unico e molto bello. Non mancherà anche un pò di divertimento e curiosità, cosa che rende la pellicola piacevole per chiunque
Un amore all improvviso
Tanta passione, tante paure ed un pizzico di fantasia rendono questo film molto bello e avvincente, con un finale toccante e una storia romantica è un film adatto a veri innamorati.
Questione di tempo
Potrebbe essere “catalogato” come commedia, ma a parere mio questo film vuole più far riflettere che ridere, e ci riesce bene. Amore e divertimento raccontano la storia di due giovani che vivono a pieno la loro passione. Non manca un pò di “fantasia” per rendere ancora più appassionante la trama
Lei
L’amore nel futuro? non possiamo saperlo ma questa pellicola ce ne dà un piccolo assaggio. Bizzarro, intenso e forse un pò “irreale”, questo film pone domande e lancia provocazioni che fanno riflettere non poco. Bello e toccante, da non perdere.
The reader
Film intenso e quasi morboso. Un pò thriller, un pò dramma. Ma i sentimenti sono i veri protagonisti. L’amore di un giovane per una donna più adulta, in un contesto particolare che lo porterà a fare scioccanti scoperte.
Una folle passione 
I protagonisti de “Il lato positivo” tornano insieme sul grande schermo e regalano di nuovo forti emozioni e romanticismo. Un dramma di fine ‘800 raccontato da due giovani sposini. Amore, tradimento e business sono ben miscelati in un film più che avvincente.
  • Commedie sentimentali
Jersey girl
Una divertente commedia che tocca temi importanti e difficili come quello di un padre che deve crescere una bambina senza la madre e con l’auito di un divertente e burbero nonno. L’amore per una figlia e l’amore per il proprio lavoro spingeranno il protagonista a fare delle importanti scelte per la propria famiglia.
Harry ti presento sally
La regina delle commedie romantiche, tra risate e sentimenti, l’amore trionfa, diverte e intrattiene in maniera dolce e toccante. Un ilm che prima o poi tutti devono vedere
Love actually
Un vero e proprio capolavoro per ridere e commuoversi. Il meglio del meglio che  la Gran Bretagna potesse sfornare. L’amore davvero è per davvero un film d’amore che mette buonumore a chiunque
Il matrimonio del mio migliore amico
Una simpatica commedia vede protagonista una ragazza innamorata del proprio migliore amico che è in procinto di sposarsi. Tra gaffe e umorismo anni novanta, il sentimento e l’amore sono un pò tralasciati, ma rimane comunque un simpatico film che può piacere.
Io e Annie
Il genio di Woody Allen mette in scena una brillante commedia che diverte e fa riflettere al modo giusto. 4 oscar più che meritati per un film che tocca diversi punti importanti di una relazione ormai finita. Bello, intenso ed interessante.
La neve nel cuore
Non proprio un film romantico, ma qui l’amore è la base di una bizzarra famiglia che accoglie la nuova fidanzata di uno dei cinque figli. Risate e riflessioni viaggiano attraverso i sentimenti e le emozioni di una numerosa famiglia che si ritrova per le vacanze di Natale.
L’amore secondo dan
Dan è un personaggio particolare, ha tre giovani figlie ed è vedovo. Grazie alla sua famiglia ritroverà l’amore di una donna e quello delle tre figlie. Divertente e toccante, un film che piace e fa riflettere.
L’amore non va in vacanza
Come dice il titolo, l’amore non si prende pause, e anche durante una vacanza lontano da tutto e da tutti l’amore fa capolino. Divertente e brillante commedia con un cast eccezionale. Da non perdere
500 giorni insieme
L’analisi di una relazione tra due dinamici giovani che si conoscono, si amano e vivono la propria storia attraverso 500 giorni di sole. Non mancano le risate, le riflessioni, e sicuramente i due protagonisti vi piaceranno.
A qualcuno piace caldo
Forse la più piacevole e divertente delle commedie. Il duo Lemmon – Curtis stupisce e diverte attraverso gaffe e situazioni esilaranti. L’amore trionfa e le risate non mancano
2 single a nozze
Qui si ride e basta! Tranquilli, l’amore è sempre il tema principale, ma il contorno sono divertenti battute e situazioni comiche che divertono e piacciono. Un film bello, da vedere e che piace a tutti
Elizabethtown
Una commedia un pò sottotono con protagonisti bizzarri, può piacere come può stufare ma resta un’idea particolare per mettere in scena una divertente storia d’amore
Hitch, lui si che capisce le donne
Il brillante Will Smith diverte e insegna. Come ci si comporta con le ragazze? ve lo dice lui? No, lui vi da solo lo spunto, e ovviamente le situazioni comiche e le risate non mancano, ma alla fine l’amore avrà sempre la meglio, per forza.
Mela & tequila
New York e Messico si intrecciano in una particolare storia d’amore. Divertente e romantico, questo film regala una piacevole compagnia senza annoiare.
Manuale d’amore
Anche il made in Italy vuole dire la sua. E ci riesce bene con una divertente sequenze di episodi romantici e divertenti. La bravura dei diversi protagonisti sa emozionare e raccontarci in modo ironico come funziona l’amore in terra nostrana.
Ps i love you
Toccante, intenso e romantico. Questo film riesce a raccontare una storia triste divertendo ed emozionando lo spettatore senza annoiare. L’amore è forte, anche quando le cose vanno male.
Zack & miri amore a primo sesso
Da bravo “stupidotto” non potevo non citare un film che è in effetti tale. Ma attenzione, l’amore si nasconde anche dietro ad una cosa banale come un “porno” oppure dietro ad una semplice amicizia tra uomo e donna. Tranquilli non è un porno, ma si parla anche di quello.
Ecco tutto. Sicuramente avrete tanti altri titoli migliori di questi a disposizione, ma spero di avervi dato qualche bella idea per una romantica e divertente serata.

Il film di oggi… Love Actually – 2003

IMG_4281

Genere: commedia romantica

Regia: Richard Curtis

Cast: Hugh Grant, Colin Firth, Emma Thompson, Keira Knightley, Bill Nighy, Liam Neeson, Alan Rickman, Martin Freeman, Andrew Lincoln, Chiwetel Ejiofor

Di questo film non si puó dire molto, se non che va assolutamente visto, e personalmente ho perso il conto delle volte che l’ho visto.

Diversi personaggi intrecciano le loro storie d’amore che spaziano tra delusioni, risate, tristezze e sentimenti molto forti.

Il meglio degli attori britannici si riunisce e da vita ad una commedia toccante e divertente.
La perfetta regia ci porta a “zonzo” insieme ai protagonisti facendoceli amare quasi fossero nostri amici da una vita.
Gli attori sono così bravi che non possono non strapparci un sorriso, emozionarci e farci divertire.

L’ambientazione natalizia in una città come Londra, crea quel clima quasi famigliare che scalda il cuore tanto da capire bene emozioni e sensazioni dei protagonisti.

Non mancano i momenti seri e di riflessione ma sono ben affrontati senza rendere triste la storia o perfino noiosa. Addirittura la scena di un funerale è resa piacevole, pur essendo un momento molto triste. E anche attori come l’ottimo Neeson, che di solito siamo abituati a vedere nelle vesti di un forte uomo d’azione, vengono trasformati in buoni padri di famiglia, amanti e dolci mariti.

Un’ ottima commedia, non esagerata, e piacevole al punto giusto. Bellissimo

Condigliato? Assolutamente sì!
Voto 9/10

Il film di oggi… The Giver – 2014

Genere: Drammatico, Fantascienza

Regia:  Phillip Noyce

Cast:  Brenton Thwaites, Jeff Bridges, Meryl Streep

Tratto dall’omonimo romanzo, questo film racconta la storia di Jonas, un giovane al quale viene dato un’importante incarico per la sua vita.

In un prossimo futuro la società vive in una civiltà pressapoco perfetta dove sono assenti amore, gioia, crudeltà e violenze. Le emozioni non esistono e tutti vengono assegnati ad una famglia, una casa e gli viene dato un lavoro.

Una figura spicca tra i vecchi saggi, ed è quella dell’ accoglitore di memorie, ovvero tutte le memorie che appartenevano al passato (nostra attuale epoca) e che erano, sì gioiose, ma che hanno portato anche a tanta sofferenza.

Jonas viene incaricato di essere il prossimo accoglitore e dovrà essere addestrato dal precedente accoglitore, divenuto ora donatore di memorie.

Fantascienza e futuro irreale, un mix che se non viene spiegato ed affrontato bene diventa una “ciofeca”. Ed ecco che anche qui il danno è fatto.

La trama è stabile, non emoziona e dopo un pò annoia davvero. I protagonisti non fanno altro che seguire una trama banale e spiegata anche male. Non si capisce bene il finale e il perchè delle azioni del protagonista.

C’è un fantomatico muro da oltrepassare e quando questo accade, cambia tutto, ma perchè? non viene spiegato bene se non di sfuggita. Poi mi chiedo come mai i vecchi saggi continuano a tramandarsi le memorie tramite gli accoglitori, se vogliono che non riemergano tra la gente… Dimenticatevele e basta! Assistiamo anche a particolari poco credibili, Jonas vola con una moto giù da una montagna che si erge fin oltre le nuvole ma non si fa niente, atterra morbido e via… E così via con “castronerie” che non tornano e sono senza significato. No no non ci siamo.

Particolari che solo chi ha letto il libro può capire ma sinceramente credo, o spero, il libro sia molto meglio!

Gli effetti speciali rimangono buoni anche se la storia non offre particolari momenti emozionanti. Fotografia e montaggio pure, non stupiscono ma seguono bene la regia.

Un film che vanta attori come Jeff Bridges e Meryl Streep merita molto di più ma qui dispiace quasi siano presenti questi nomi. Abbinamento che non mi piace.

Insomma a parere mio se si vuole fare “fantascienza” bisogna esserne in grado, altrimenti non bisogna neanche provarci.

Consigliato? No

Voto  5/10

Il film di oggi… La notte del giudizio – 2013

IMG_4173

Genere: Thriller, Drammatico

Regia:  James DeMonaco

Cast:  Ethan Hawke, Lena Headey, Adelaide Kane

Questo genere di film spesso li trovo una stupidata enorme ma devo dire che stavolta sono piacevolmente sorpreso.
Con un limitato budget e un semplice lavoro il risultato è, a parere mio, abbastanza buono.

Siamo in america, in un indefinito ma prossimo futuro, e il tasso di criminalità è ai minimi storici. Questo grazie alla notte dello sfogo.
Una notte all’anno dove chiunque puó commettere crimini e non sarà perseguitato dalla legge. Una notte dove ogni cosa è lecita e non sarà punita.

A parte la genialità di questa trama, trovo interessante riflettere su quanto possa funzionare una cosa del genere. Potrebbe? Sì? No? Non so darmi una risposta ma sicuramente questa sceneggiatura fa riflettere.

Il nostro film comunque si sofferma sulle vicende di una tranquilla famiglia americana che, durante la notte dello sfogo, passa ore difficili tra criminali, pistole e coltelli.

Un thriller sicuramente avvincente e che tiene sulle spine ma che manca di originalità e tratta le scene d’azione con superficialità.
I colpi di scena sono un pó chiamati e lo spettatore non rimsne colpito più di tanto.
Il limitato budget non puó far altro che permettere una scarsa regia e scenografie semplici.

Nonostante tutto sono lodevoli, oltre alla trama, i costumi (molto paurosi anche se semplici), e il cast che lavora molto bene e mette in scena più che buone interpretazioni.
Chi deve far paura, fa paura. Chi deve essere terrorizzato, è terrorizzato. Bravi.

Spremendo il tutto alla fine il succo è che questo film è una buona idea, un buon lavoro, ma purtroppo non è stato prodotto come si deve.

Consigliato? Se proprio non avete altri thriller degni di nota… Sì
Voto 6/10

Il film di oggi… The Imitation game – 2014

Genere: Biografico, Drammatico

Regia:  Morten Tyldum

Cast:  Benedict Cumberbatch, Keira Knightley, Matthew Goode

Un’ altra pellicola tratta da una storia vera (che scarseggi per caso un pò di immaginazione?) che parla di un brillante personaggio inglese durante la seconda guerra mondiale

Alan Turing, matematico e brillante crittoanalista, viene assunto dal governo britannico per la decriptazione dei codici nazisti, così da poter vincere contro la minaccia tedesca che opprimeva l’europa degli anni quaranta.

Il film racconta in prima persona le vicende del nostro protagonista, affrontando e analizzando il suo lavoro e le sue doti, senza tralasciare la sua vita sentimentale, causa di accuse omofobe nei suoi confronti.

La storia di Turing va letta e conosciuta, e questo film può essere un buono spunto per farlo, perchè il film da solo non basta. Personalmente conoscevo ben poco di Turing ma la sua storia è molto interessante e purtroppo ho scoperto che la pellicola si sofferma poco sulla vera storia, o almeno la racconta superficialmente, senza approfondire al meglio tutto il suo operato. Cosa che mi rendo conto sia difficile fare in sole due ore di film. Di certo io avrei approfondito di più il discorso “Macchina di Turing” e avrei dato meno peso a tutte le vicende per via della sua omosessualità.

Nonostante tutto la storia non è noiosa e suscita un buon interesse. Regia e sceneggiatura non stravolgono il mondo del cinema ma diciamo che lavorano bene, riscosrtruendo discretamente una storia già scritta e conosciuta.

Effetti speciali un pò assenti e musiche sotto tono. Certo non serviva altro, ma qualcosina in più ce l’avrei messa. Sarebbe stato molto più divertente ed appassionante seguire il tutto.

Il cast è il fiore all’occhiello di questo lavoro. I non – protagonisti interpretano al meglio e creano una bella cornice che piace e non infastidisce.

Il nostro protagonista, Benedict Cumberbatch, merita un vero e proprio applauso. Bravissimo a trasmettere emozioni forti e sensazioni diverse. Nei momenti in cui il personaggio è in difficoltà si percepisce ogni cosa grazie all’ottimo talento dell’attore. Perfetto e bravo. Una rivelazione che personalmente non avevo mai notato.

Parlando di oscar, visto il periodo, credo che il film possa giocarsela bene grazie a Cumberbatch, ma per regia e tutto il resto rimane nella norma senza stupire più di tanto.

Consigliato? Sì

Voto  6.5/10

Il film di oggi… Thank you for smoking – 2005

Genere: Commedia

Regia:  Jason Reitman

Cast:  Aaron Eckhart, Maria Bello, Robert Duvall, Cameron Bright, J. K. Simmons

Quando ti ritrovi alla fine di un film, e le uniche parole che pronunci sono: “Cazzo… bello…!”, allora ne è veramente valsa la pena.

Ecco il tipo di reazione che potreste avere dopo aver visto questo film.

La storia è semplice semplice ma ben costruita.

Un lobbista, che si batte per la difesa del fumo e dei produttori di sigarette, attraversa diverse vicende tra famiglia, amore e carriera che intrecciano in maniera divertente diverse sfumature del protagonista stesso.

La trama diverte, i dialoghi pure, e non mancano interessanti spunti di riflessione. La sceneggiatura non è roba da poco, le varie scene si susseguono velocemente ma tutto rimane chiaro allo spettatore.

Un ottimo cast non può deludere, e anche in questa occasione gli attori interpretano al meglio i loro personaggi, tutti importanti, tutti simpatici e per niente noiosi. Non è una commedia da ammazzarsi dalle risate ma ci si diverte e allo stesso tempo si riflette su un problema che è sempre più pericoloso al giorno d’oggi. Il fumo.

Ottima la fotografia che mostra colori vivaci e divertenti, e grazie alla quale non si entra mai in un clima triste o drammatico.

Fantastica a mio parere la colonna sonora. Non sempre presente ovviamente ma perfettamente a tema (Sigarette) e divertente al punto giusto.

Un commedia come si deve, politicamente scorretta e che sicuramente piace a molti, fumatori e non.

Piccola curiosità. Durante tutto il film il tema principale sono fumo e sigarette, eppure non si vede mai nessuno dei personaggi fumare. Perfino il protagonista, che è un accanito fumatore, non fuma mai per tutto il film. A mio parere un particolare bizzarro e divertente

Consigliato?  Certamente

Voto 8/10